Ristrutturare la cucina: da che cosa iniziare

Nel momento in cui decidete di rifare la cucina, allora tenete presente che ci sono diverse opere e lavori di avviare come rifare rivestimenti e pavimenti Milano e prendere dei nuovi mobili. Vediamo nel dettaglio che cosa va fatto per avere una cucina nuova, bella e funzionale.

Posare nuovi pavimenti

La prima cosa da fare è demolire il pavimento e posarne uno nuovo. Ci sono diverse tipologie di rivestimenti e pavimenti Milano che hanno uno stile più moderno. Spesso nelle cucine si opta per le piastrelle dato che non temono problemi a causa dell’acqua e dell’umidità, ma ci sono oggi della pavimentazioni alternative con l’effetto legno, come il laminato oppure le piastrelle in gres porcellanato che riproducono le naturali venature dei legni più pregiati.

Cambiare i mobili

Attenzione che per rifare la cucina si deve sempre prendere in considerazione quali saranno poi i mobili. Se avete intenzione di modificare la mobilia della cucina, ciò potrebbe incidere sulla disposizione dei pavimenti e del rivestimento para schizzi soprattutto. Per facilitare i lavori, sarebbe meglio non modificare più di tanto la posizione del lavello e dei fuochi in modo da poter sfruttare gli attacchi preesistenti senza doverli modificare. Per il resto, si può modificare tutto e magari pensare a realizzare una penisola. Sono tante le scelte che si possono fare, tra cui alzare il forno e metterlo in una colonna invece di lasciarlo a terra.

Rifare il rivestimento

È molto facile che alcune parti della cucina vadano rivestite. La parte dietro ai mobili della cucina spesso vien rivestita con delle piastrelle. Ci sono oggi tantissime soluzioni per realizzare un bel paraschizzi. Le piastrelle rettangolari piccoline sono molto belle e possono anche avere dei rilievi 3D per uno stile contemporaneo. Si posano in modo molto semplice per un effetto che va bene con tanti tipi di arredo diverso. In certi casi, si possono utilizzare le bellissime piastrelle a forma esagonale. Spesso hanno dei disegni diversi che si alternano in modo casuale per un impatto estetico notevole.